La solitudine di Albert Lorieux

Ma l'arte serve?

Il retro di un edificio, forse una chiesa, come ci fanno indovinare la finestra con la bifora e il profilo di un’abside sulla sinistra. Forse un cortile, uno spazio animato da nient’altro che foglie portate dal vento. Ecco come il pittore francese Albert Lorieux, alla fine dell’Ottocento, rappresenta la solitudine.

Continua a Leggere

Giona e la balena di Antonio Tempesta

Ma l'arte serve?

Giona è un profeta del Signore che viene chiamato a fare una cosa che non vuole fare. Dio gli dice di andare a Ninive e convertire la città così da salvarla. Ma Giona odia quella città e tutti i suoi abitanti, per questo scappa dalla richiesta e si imbarca per allontanarsi il più possibile. Il […]

Continua a Leggere

Vita e Morte di Gustave Klimt

Ma l'arte serve?

Gustave Klimt immagina la Morte con un vestito di croci, come indossasse su di sé le tombe di cui è artefice, il gesto aggressivo del colpo pronto ad essere sferrato, ma soprattutto lo sguardo famelico di strane orbite dalla pupilla di serpente. Oggetto del suo desiderio è un gruppo di figure fatto da donne, madri, […]

Continua a Leggere

Il Saltimbanco di Antonio Mancini

Ma l'arte serve?

Un ragazzino con il costume di scena di stile settecentesco, guarda assorto la corda sulla quale dovrà camminare, le braccia incrociate sul petto, una piuma di pavone nella mano: il saltimbanco. Poggia i piedi su un tavolino coperto alla bell’e meglio da un tappeto, al fianco oggetti che evocano lo spettacolo e gli attrezzi del […]

Continua a Leggere

Non succede, ma se succede…


Ufficiosamente

Come sapete, io sono molto superstiziosa. Non solo penso che sia vero, ma soprattutto ci credo. Per questo non parlo mai di argomenti che mi sembra possano “Portare male”, come brutti sogni, persone antipatiche e soprattutto dell’evento funesto con la “M” maiuscola, che qui chiamerò con varie parafrasi proprio a causa delle mie superstizioni.

22 Luglio 2019

Saldi & Soldi


Ufficiosamente

Saldi fa rima con soldi, è un dato di fatto. Senza soldi non si possono fare i saldi e senza i saldi non si possono spendere i soldi. E’ un pensiero circolare che fa parte del movimento dell’economia e che divide l’anno solare in due grandi aree: quando possiamo fare affari noi e quando possono […]

15 Luglio 2019

Nata vecchia, ma non abbastanza


Ufficiosamente

Io sono nata vecchia, ma non abbastanza. Quando i miei coetanei andavano in discoteca io andavo al teatro, quando uscivano a bere una cosa io giocavo a canasta, quando si davano appuntamento per una passeggiata io passavo in libreria. Mi sentivo insieme una nerd ed un’intellettuale incompresa, e superavo la mia vecchiaia emotiva pensando che […]

1 Luglio 2019

Le pochette non bastano mai


Ufficiosamente

Le pochette sono come le scarpe, le vacanze e gli abbracci: non bastano mai. Ma andiamo con ordine, definiamo prima di tutto che cos’è una pochette.         Naturalmente non è la prima definizione quella che mi interessa ma la seconda, ovvero “borsetta da signora, senza manici, da portarsi in mano”. Eppure questa […]

24 Giugno 2019

Ippolito Caffi e l’eclisse del 1842


Ma l'arte serve?

Il sole e la luna si incontrano e ne nasce il buio. Ecco in fondo cosa è un’eclisse. Sempre impressionante, perché dà il senso di un evento non solo straordinario, ma quasi disastroso, come un incidente annunciato, un incontro che non può portare a niente di buono perché cambia l’ordine del mondo. Un ordine in […]

17 Giugno 2019

Pensieri di giugno


Ufficiosamente

Complice un maggio novembrino, tutti i grandi problemi della stagione estiva sono stati rimandati fino ai primi di giugno, ma quest’ultimo non è stato così clemente e senza frapporre altri indugi, ha deciso che era ora di mostrarsi in tutto il suo splendore partendo in quarta con temperature di 30 gradi senza darmi il tempo […]

10 Giugno 2019

L’Alzana di Cagnaccio Di San Pietro


Ma l'arte serve?

Un modo diverso di vedere il mare. O meglio un modo diverso di vedere il mare dalla terraferma. Non passeggiando su una spiaggia al tramonto, o da una collina che ti permette di perdersi nell’orizzonte, ma da una banchina veneziana, dove due giovani tirano una grossa fune e rimorchiano una barca.

3 Giugno 2019

Metodi faticosi per non fare le cose


Ufficiosamente

Sarà perché è lunedì, sarà perché è Primavera, ma il mio essere sfaticata ha raggiunto livelli molto importanti. A mia discolpa dico che sono circondata da cose che non mi piace fare e da incombenze che mi opprimono come succede quando si entra nel mondo degli adulti.

6 Maggio 2019