Il Sacrificio di Leonardo Bistolfi al Vittoriano

Ma l'arte serve?

Passando per Piazza Venezia ed evitando le macchine, le carovane di turisti, i gabbiani aggressivi e le buche nei sanpietrini, ogni tanto capita di lanciare un occhio al Vittoriano, altrimenti noto come Altare della patria o Tomba del Milite Ignoto, monumento ad un italiano e a un’Italia che allora non erano ancora nati veramente e […]

Continua a Leggere

Chagall. Sogno e Magia. Mostra a Bologna

Le Mostre di Piantatastorta, Ma l'arte serve?

Fino al 1 marzo 2020, Palazzo Albergati di Bologna ospita una mostra dedicata al Marc Chagall, artista poetico e magico che fa del sentimento e del ricordo le cifre stilistiche del suo lavoro.

Continua a Leggere

I ritratti in punta di pennello di Alexandra Dillon

Ma l'arte serve?, PiantataStorta Contemporanea

L’arte come sorpresa e costruzione di nuovi significati attraverso la decorazione e il cambiamento funzionale degli oggetti è alla base dell’esperienza artistica di Alexandra Dillon. Giovane artista di successo sui social, diffonde la sua tecnica e il suo stile soprattutto tramite instagram, la nuova e democratica vetrina dell’arte.

Continua a Leggere

Il rimorso di Oreste di William-Adolphe Bouguereau

Ma l'arte serve?

Oreste uccide la madre, Clitemnestra, per vendicare la morte del padre, Agamennone, ma appena compiuto l’atto viene assalito e tormentato dalle Furie, le dee che rappresentano il desiderio di vendetta dei defunti. William-Adolphe Bouguereau, artista francese che lavora nella metà dell’Ottocento, famoso per le sue bambine bellissime, i suoi nudi perfetti e languidi, le sue […]

Continua a Leggere

Lamento. Ancora


Ufficiosamente

Nota importante per il lettore: Pezzo a altissimo tasso di lamento. Lo leggete a vostro rischio e pericolo quindi non vi lamentate, pure voi, se mi lamento. La vita è stata proprio matrigna con me dandomi i metatarsi lunghi. Questo e un’innata pigrizia, oltre alla forma geneticamente sfrontata della donna mediterranea, ovvero la tendenza del […]

20 Gennaio 2020

Il Sacrificio di Leonardo Bistolfi al Vittoriano


Ma l'arte serve?

Passando per Piazza Venezia ed evitando le macchine, le carovane di turisti, i gabbiani aggressivi e le buche nei sanpietrini, ogni tanto capita di lanciare un occhio al Vittoriano, altrimenti noto come Altare della patria o Tomba del Milite Ignoto, monumento ad un italiano e a un’Italia che allora non erano ancora nati veramente e […]

13 Gennaio 2020

Nalate 2019: regali per le persone che odi


Ufficiosamente

Tutti lo sappiamo che sono una brutta persona. Ma anche le brutte persone sono costrette a fare i regali di Natale, soprattutto alle persone che odiano, che sono di solito la maggioranza. Una volta messo insieme questo assioma, le motivazioni dell’elenco di regali che suggerisco a chi, come me, è una brutta persona, sembra molto […]

23 Dicembre 2019

La valigia quella per un lungo viaggio …


Ufficiosamente

Simbolo della partenza, del trasloco, del viaggio, la valigia rappresenta per me una croce e una delizia. È croce perché richiede concentrazione, spirito d’adattamento e perspicacia, tutte doti che possiedo a fasi alterne, ma è delizia perché implica la possibilità di una fuga, cosa che agogno e non realizzo mai.

26 Novembre 2019

Il rimorso di Oreste di William-Adolphe Bouguereau


Ma l'arte serve?

Oreste uccide la madre, Clitemnestra, per vendicare la morte del padre, Agamennone, ma appena compiuto l’atto viene assalito e tormentato dalle Furie, le dee che rappresentano il desiderio di vendetta dei defunti. William-Adolphe Bouguereau, artista francese che lavora nella metà dell’Ottocento, famoso per le sue bambine bellissime, i suoi nudi perfetti e languidi, le sue […]

18 Novembre 2019

Ognuno ha la sua croce


Ufficiosamente

Ognuno ha la sua croce. Lo diceva sempre mio padre quando si parlava di parenti. Ma l’esperienza mi ha insegnato che, nella vita di ognuno, le persone e le cose che ci affliggono e ci portano amarezza e di cui non riusciamo a liberarci purtroppo sono più di una.

11 Novembre 2019

La solitudine di Albert Lorieux


Ma l'arte serve?

Il retro di un edificio, forse una chiesa, come ci fanno indovinare la finestra con la bifora e il profilo di un’abside sulla sinistra. Forse un cortile, uno spazio animato da nient’altro che foglie portate dal vento. Ecco come il pittore francese Albert Lorieux, alla fine dell’Ottocento, rappresenta la solitudine.

5 Novembre 2019

La questione del tartufo


Ufficiosamente

Oggi mi appresto a discutere di un argomento più difficile delle unioni civili, del ruolo del fascismo nello sviluppo dell’Italia o dell’esistenza di una vita aliena: come è meglio mangiare il tartufo bianco. Questo perché il tartufo bianco o lo si odia o lo si ama alla follia, non c’è una via di mezzo. Quelli […]

28 Ottobre 2019

Giona e la balena di Antonio Tempesta


Ma l'arte serve?

Giona è un profeta del Signore che viene chiamato a fare una cosa che non vuole fare. Dio gli dice di andare a Ninive e convertire la città così da salvarla. Ma Giona odia quella città e tutti i suoi abitanti, per questo scappa dalla richiesta e si imbarca per allontanarsi il più possibile. Il […]

21 Ottobre 2019